Ennesimo passo falso della Giunta Bardi, impugnata le legge sulla Prima variazione al Bilancio di previsione. I lucani meritano di più

bardi basilicata leggieriIl Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro per gli affari regionali e le autonomie Francesco Boccia, ha deliberato di impugnare la legge della Regione Basilicata n. 40 del 9 dicembre 2020, recante “Prima variazione al Bilancio di previsione pluriennale 2020-2022 della Regione Basilicata”, in quanto i prospetti relativi ai disavanzi 2018 e 2019 e al ripiano degli stessi si pongono in contrasto con la normativa statale vigente in materia e violano l’articolo 117, secondo comma, lettera e), della Costituzione, che attribuisce allo Stato la competenza legislativa esclusiva in materia di armonizzazione dei bilanci pubblici.

Mentre la crisi aperta qualche giorno fa dal dimissionario assessore Cupparo non sembra arrestarsi, un’altra tegola si abbatte quindi sulla già precaria maggioranza del generale Bardi, che sembra essere sempre più in difficoltà di fronte ai continui ammutinamenti delle delle sue truppe.

Ricordiamo che anche quest’anno la Regione Basilicata è in esercizio provvisorio. Una situazione molto grave che si ripercuote inevitabilmente su diverse categorie e soggetti, soprattutto i più deboli, che vedono accumulare ritardi su ritardi nei pagamenti, ma soprattutto una situazione che mostra l’assoluta inadeguatezza di questa classe politica nella gestione della Regione.

Solo parole, slogan elettorali e tante promesse, ma nella pratica i risultati sono insufficienti e i disastri compiuti dalla maggioranza sono sotto gli occhi di tutti.

Artigiani, agricoltori, imprenditori, amministratori comunali, tutti possono toccare con mano i gravi ritardi con cui la Regione si muove e le inefficienze della politica regionale.

Del cambiamento promesso rispetto alle amministrazioni di centrosinistra non c’è nessuna traccia, i lucani meritano di più.

Gianni Leggieri
Gianni Perrino
Carmela Carlucci
Gruppo M5S Basilicata

FacebookTwitterGoogle+Condividi

You may also like...

Lascia un commento